Giu 20

Fobie ai capelli: rivolgiti al tuo tricologo

Sono molte le fobie collegate ai capelli, che inducono le persone che ne soffrono a non sentirsi a proprio agio nella quotidianità, in presenza di amici o colleghi, ma anche nel privato, non riuscendo a dedicarsi con tranquillità alla cura e al proprio benessere personale.
Secondo il National Institute of Mental Health oltre 6,3 milioni di americani soffrono di fobie, molte delle quali legate ai propri capelli.


Fobie dei capelli: le più diffuse
Le più diffuse fobie dei capelli sono delle vere e proprie patologie che spesso si traducono in ansia e che devono essere affrontate con l’aiuto di specialisti. Colpiscono indifferentemente uomini e donne, poiché se per il sesso maschile la paura è quella di rimanere senza capelli, nelle donne al contrario si teme di venire incontro ad una crescita anomala della peluria.

• La fobia dei capelli si chiama tricofobia e con il termine si intende la paura nei confronti dei peli di un animale o di una persona, con cui si evita di entrare in contatto. 


• La caetofobia potrebbe sembrare molto simile alla tricofobia ed è la paura che fa mantenere le distanze da una persona con capigliature abbondanti, impedendone di entrare in contatto. Nei casi più estremi i soggetti provano una forma d’odio verso i propri capelli, arrivando addirittura a tentare di strapparseli. 


• Un’altra patologia poco conosciuta ma diffusa è la tonsurephobia ovvero l’angoscia di sottoporsi ad un taglio di capelli. Si tratta di una fobia dei capelli che si affronta nell’infanzia quando ci si reca per la prima volta dal parrucchiere: il bambino vede la forbici avvicinarsi ai capelli e solitamente scoppia a piangere e a opporsi al taglio. Di solito è una fobia che sparisce crescendo, ma in alcuni casi non viene mai superata ed andare dal parrucchiere è sempre fonte di forte stress. 


Falacrofobia: le cause di questa paura è da ricercarsi nella rappresentazione che gli uomini hanno dato ai capelli: simbolo di bellezza difficile da gestire e destinato al tempo stesso a cadere. Per questo molte persone temono di perdere i capelli e vivono costantemente nella paura di notare un’anomala perdita di capelli o alopecia.


Fobie dei capelli: come affrontarle


Solitamente le persone che soffrono di queste fobie dei capelli non prendono seriamente in considerazione il problema, nonostante per loro sia fonte di grande stress. Spesso si rivolgono a dermatologi o a centri estetici che una volta compreso il problema, punteranno a fornire indicazioni unicamente sull’aspetto estetico, che seppur importante non è l’unico fattore da considerare. 
In alcuni casi questa patologia nasconde veramente delle problematiche legate ai capelli, ma di lieve entità, che possono essere facilmente superate con dei prodotti tricologici o con dei rimedi che garantiscono il ripristino di una buona condizione del cuoio capelluto e 
di vita dei capelli. La chiave di svolta sarà un colloquio con un tricologo esperto e preparato sulla salute dei capelli, che grazie alla sua esperienza sarà in grado di instaurare un percorso di fiducia nel cliente, aiutandolo nel suo percorso di guarigione.



Richiedi una consulenza personalizzata

Letto 830 volte Ultima modifica il Venerdì, 30 Giugno 2017 16:41

Pagina Facebook

Più Popolari